No all’olio di palma: Di Leo un’azione di RSI a sostegno degli orango

Dopo la decisione di due anni fa di eliminare l’olio di palma da tutti i propri prodotti, la Di Leo Pietro SpA,  interviene con un progetto di RSI (Responsabilità Sociale d’Impresa) pensato da CaruccieChiurazzi. Abbiamo progettato questa azione di Cause Related Marketing insieme all’associazione per la conservazione ambientale forPlanet Onlus presieduta dalla scrittrice e conduttrice televisiva Tessa Gelisio, il progetto ‘All’orango io ci tengo’.

L’iniziativa, condotta in collaborazione con la Sumatran Orangutan Society (SOS), prevede che per un anno, dal 1° ottobre 2016 al 30 settembre 2017, la Di Leo destinerà l’1% del ricavato dalla vendita della linea di biscotti Fattincasa (realizzati dal 1990 esclusivamente con olio di mais) alla salvaguardia degli orango di Sumatra (Indonesia). La SOS è una delle sei ONG, tra indonesiane e internazionali, impegnate nel proteggere e ripristinare l’ecosistema di Leuser, l’area di Sumatra più popolata dagli orangutan, specie minacciata dalla distruzione delle foreste dove vive per ottenere, principalmente, terreni da destinare alle piantagioni di palma da olio.

Grazie al progetto “All’orango io ci tengo” si reintrodurranno in natura 15 orangutan di Sumatra, si recupererà un ettaro del loro habitat con la piantumazione di 1.000 alberi e si fornirà un significativo supporto alle attività delle associazioni impegnate nella conservazione a lungo termine delle foreste pluviali primarie di Sumatra.

Abbiamo costruito una azione di comunicazione integrata a sostegno che impiega più canali, dal web dedicato alla campagna stampa, dai social alla TV e insieme una piccola dinamica promozionale che prevede che il consumatore possa contribuire alla causa degli orangutan acquistando alcune confezioni di biscotti per ricevere t-shirt e cappellino del progetto in omaggio.

«Siamo impegnati – ha ricordato Pietro Di Leo, amministratore unico della Di Leo Pietro SpA – in un incessante lavoro per innovare i nostri prodotti e renderli sempre più aderenti alle richieste del mercato, ormai attentissimo agli aspetti salutistici e nutrizionali degli alimenti. Dopo aver eliminato l’olio di palma da tutte le nostre linee produttive abbiamo voluto dare un contributo per salvaguardare gli orango, le loro foreste e il loro futuro in quel paradiso terrestre che è l’isola di Sumatra; di certo la nostra iniziativa non sarà sufficiente per risolvere il problema, tuttavia ci riempie di gioia sapere che una quindicina di questi animali, spesso cuccioli vittime dalle deforestazioni in atto, saranno salvati, curati e rimessi in libertà in foreste sicure».

«È impressionante visitare l’isola di Sumatra: milioni di ettari di piantagioni di palma da olio hanno preso il posto di una delle foreste tropicali più importanti del mondo – racconta Tessa Gelisio, ambasciatrice e reporter di “All’orango io ci tengo” – Pur occupando meno del 6% della superficie mondiale, le foreste tropicali, polmoni del mondo, sono fondamentali per l’equilibrio ecologico del pianeta. E’ necessario e urgente che si arrivi quanto prima a Zero deforestazione per salvare le ultime “oasi” rimaste. Un obiettivo che si potrà raggiungere solo grazie all’impegno di tutti: consumatori, aziende e istituzioni. Vedere animali come gli oranghi vagare disperatamente alla ricerca di cibo nelle piantagioni che hanno preso il posto della loro foresta, è una sconfitta per l’umanità e un pericoloso segnale per in nostro futuro».

L’epicentro del progetto ‘All’orango io ci tengo’ è Sumatra, una delle più estese isole dell’arcipelago indonesiano. Qui l’agricoltura, da anni orientata a impiantare nuove coltivazioni di palma da olio, si sta espandendo addirittura anche all’interno delle aree protette. L’impatto sulla biodiversità unica dell’ecosistema Leuser è notevole: negli ultimi 100 anni la presenza di orangutan è diminuita dell’86%. L’ulteriore degrado di quest’area potrebbe condannare inevitabilmente all’estinzione questa incredibile specie, una delle più vicine all’uomo. Con soli 14.600 esemplari stimati ancora presenti nel loro habitat naturale (fonte SOCP Sumatran Orangutan Conservation Program), oggi l’orango di Sumatra è indicato come uno dei “25 primati più in pericolo del mondo”.